Accesso al pannello di amministrazione dell'eshop >> (Questo messaggio lo vedi solo tu!)
Integralia

Un edulcorante a zero calorie: eritritolo

Nei primi anni '80 quando i cibi dietetici iniziarono a crescere di popolarità , l'azienda Cerestar ora Cargill inizió un progetto di ricerca con l'obiettivo di produrre diversi tipi di polioli utilizzando processi fermentativi.

Vennero usati lieviti che producevano in grande scala eritritolo . Parallelamente si dimostrò che l'eritritolo era privo di calorie e con un alta tolleranza digestiva in comparazione con gli altri polioli ( sorbitolo , mannitolo, xylitolo, glicerolo).

Sempre Cerestar sviluppo' un processo produttivo è un efficiente sistema di purificazione per ottenere eritritolo che iniziò ad essere commercializzato in larga scala dal 1993 per il mercato giapponese. Poi in tutto il mondo.

Eritritolo é una sostanza cristallina bianca , anidra e non giroscopica che é disponibile in forma granulare o polvere. Ha un valore di dolcezza medio (65/100) e appare simile al saccarosio . É un 'polialcol' con 4 atomi di C. É una molecola a basso peso molecolare che le da caratteristiche uniche.

Diversamente da altri polioli, l'Eritritolo non é calorico e questo apporta molti benefici nel suo utilizzo come "bulk sugar sostitute" . Grazie alle sue piccole dimensioni molecolari l'Eritritolo é assorbito nell'intestino ma non metabolizzato e secreto nelle urine. L'Eritritolo non assorbito viene secreto con le feci. Non viene fermentato come gli altri polioli e quindi non vi é alcun contributo dovuto dalla fermentazione . Di conseguenza l'eritritolo da un contributo calorico pari a 0 cal/g.

Poiché esso non é metabolizzato va da sé che non ha nessun effetto insulinico-glicemico.

A chi si sente più confortato dal termine naturale , in letteratura si possono trovare le sue percentuali in alimenti come frutta (melone : 22-47 mg/kg), vegetali ed anche in alimenti fermentati ( es. il vino 130-300 mg / l).

Tutti i polioli sono "tooth-friendly" perché non metabolizzati dai batteri della carie. E' acariogeno.

È un "free radical scavenger" , pare che possa dare benefici antiossidanti .